lunedì 20 giugno 2011

La Cellulosa


La carta è un materiale formato da milioni di fibre di cellulosa intrecciate tra loro e ad altre sostanze (collanti, coloranti e minerali). La cellulosa è il materiale che compone la membrana esterna dei vegetali. Si ricava dal legno (trasformato in pasta chimica e in pasta meccanica), da stracci (di cotone, canapa e altre fibre vegetali), dalla paglia (di mais, grano o alghe marine) e dalla carta da macero.
Il legno contiene circa il 50% di cellulosa, il problema è separarla dalla lignina.
Per produrre la pasta chimica il legno, privato della corteccia, viene ridotto in pezzetti detti chips e fatto bollire insieme ad opportune sostanze minerali in speciali bollitori detti autoclavi. Durante la cottura, dal legno si separa la lignina e rimane la cellulosa quasi pura. La cellulosa viene raffinata, lavata e sbiancata dopodiché è pronta per essere utilizzata nelle cartiere. La carta prodotta con cellulosa quasi pura è di ottima qualità, molto resistente e durevole nel tempo.
Per preparare la pasta meccanica, invece, i tronchetti di legno, privati della corteccia, vengono pressati contro una mola abrasiva rotante in mezzo all’acqua che li sfibra, li spappola e li rende quasi come la segatura. Si ottiene una poltiglia che viene poi raffinata e sbiancata. La carta ottenuta con la pasta meccanica è di qualità inferiore ed è molto usata, per esempio, per i quotidiani.

Nessun commento:

Posta un commento